spazio vuoto logo alto

REDI logo colore

REDI (REducing natural risks DIsaster)
REDI è un centro di ricerca, innovazione e formazione. La sua missione è di contribuire allo sviluppo di ricerche interdisciplinari per migliorare la preparazione e la risposta ai disastri da parte delle comunità, diminuendone il tempo di recupero e ripresa. L'approccio adottato è quello del knowledge-for-action, che implica un incessante impegno a mettere in atto il circolo virtuoso tra conoscenza e innovazione per poter agire efficacemente e senza ostacoli, in modo che l'avanzamento della scienza e il progresso tecnologico possano interagire positivamente per massimizzare i loro rispettivi impatti, anche a livello sociale. REDI è costituito da una partnership aperta di istituti di ricerca italiani ed europei e università che svolgono ricerche approfondite sul campo del “natural risks reduction”, con l'obiettivo di avviare un hub internazionale dove vengano sviluppate metodologie innovative per: i) la co-progettazione, in collaborazione con i cittadini, le comunità, i governi ai diversi livelli e tutte le parti interessate; ii) l'implementazione di soluzioni ecologicamente sostenibili e integrate in solide politiche di sviluppo, per la mitigazione delle conseguenze e/o la riduzione dei rischi dei disastri. REDI è stato fondato da 4 istituti di ricerca italiani: INGV, INFN, GSSI e UNICAM.
 
Il Consiglio Direttivo, presieduto dal Rettore dell’Università degli Studi di Camerino, prof. Claudio Pettinari, è composto da:
prof. Eugenio Coccia, prof. Carlo Doglioni, prof. Fernando Ferroni e prof. Massimo Sargolini.
 
La Commissione Scientifica, coordinata dal prof. Massimo Sargolini, è composta da:
 
prof. Massimiliano Barchi Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
dott. Raffaelo Bronzini, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
dott. Lauro Chiaraluce, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
dott. Giovanni Chiodini, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
prof. Fulvio Esposito, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
prof.ssa Alessandra Faggian, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
prof. Graziano Leoni, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
dott. Marco Modica, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
prof. Stefano Pampanin Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
prof. Massimo Sargolini, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
dott. Andreino Simonelli, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
dott.ssa Vania Virgili, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.